Imposte dirette su persone fisiche e giuridiche–accertamento

SENTENZE

 

Corte di Cassazione, sentenza 05/09/2014, n. 18738
IMPOSTA REDDITO PERSONE FISICHE E GIURIDICHE
Detassazione delle società cooperative e loro consorzi

L’articolo 12 della legge n. 904/1977 – in base al quale non concorrono a formare il reddito imponibile delle società cooperative e dei loro consorzi le somme destinate alle riserve indivisibili, a condizione che sia esclusa la possibilità di distribuirle tra i soci sotto qualsiasi forma, sia durante la vita dell’ente che all’atto del suo scioglimento – pone un esplicito e chiaro requisito ai fini dell’esenzione da imposizione fiscale in favore delle società cooperative, ossia che le riserve non siano distribuibili fra i soci neppure all’atto dello scioglimento dell’ente. Non è quindi sufficiente che lo statuto preveda una mera facoltà per l’assemblea di destinare tali riserve a enti di pubblica utilità o con scopi mutualistici, ma occorre che tale destinazione sia obbligatoria e che, per poter derogare a tale destinazione, si renda necessaria una modifica dello statuto con deliberazione di assemblea straordinaria.

SCARICA SENTENZA

pdf logoCassazione Civile del 05.09.2014 n.18738

Ordinanza 22 settembre 2014 n. 19956 della Corte di Cassazione
Presunzioni bancarie: contabilità smarrita non esonera da prova contraria
IMPOSTA REDDITO PERSONE FISICHE E GIURIDICHE – Accertamento bancario 

L’imprenditore deve giustificare i movimenti bancari sospetti anche nel caso in cui la documentazione contabile sia andata smarrita dopo essere stata sequestrata dalla Guardia di Finanza.Nel caso di specie la CTR della Sicilia aveva ritenuto il contribuente esonerato dall’onere della prova in quanto la documentazione contabile era stata smarrita senza neppure appurare a quale delle parti, contribuente o Guardia di Finanza, dovesse imputarsi lo smarrimento.

 SCARICApdf logo

Cassazione Civile del 22.09.2014 n.19956

Sent./Ord. n. 441 del 10 gennaio 2013 (ud 4 ottobre 2012) – della Cassazione Civile

IMPOSTA REDDITO PERSONE FISICHE E GIURIDICHE – Accertamento

Negli accertamenti fondati sulla presunzione  di  distribuzione  di  utili extracontabili: a) se il reddito accertato nei  confronti  della  società  è definitivo, “il  giudizio  nei  confronti  del  socio,  per  quanto  attiene all’esistenza  degli  utili  extracontabili  realizzati  dalla  società,   è pregiudicato dall’esito dell’accertamento  effettuato  nei  confronti  della società stessa”; b)  non  sussiste  litisconsorzio  necessario  tra  soci  e società, posto che detto principio è stato contemplato dalla  giurisprudenza per  il  solo  caso  delle  società  di  persone;  c)  al  socio  non  deve, necessariamente, essere allegato l’avviso di  accertamento  emesso  in  capo alla società.

SCARICA pdf logoCassazione del 10.01.2013 n.441

Corte di Cassazione, sez. trib., sentenza 19/09/2014, n. 19762 

IMPOSTA REDDITO PERSONE FISICHE E GIURIDICHE

Svalutazione nei limiti di legge per il credito cui afferisce la caparra confirmatoria

Non sono deducibili le svalutazioni di crediti assistiti da garanzia assicurativa, per i quali dunque l’inadempimento del debitore non determina una perdita per il creditore, ma un credito nei confronti dell’assicuratore; ciò non accade nell’ipotesi di semplice pattuizione, tra le parti contraenti, della caparra confirmatoria, avente esclusivamente funzione di determinazione preventiva del danno e conseguentemente sono deducibili gli accantonamenti al fondo rischi su crediti nei limiti ordinariamente previsti dalla normativa tributaria.

 SCARICApdf logo

Cassazione Tributaria del 19.09.2014 n.19762